28 Dec 2022

PROGETTO HyPOWERED 2020-2022

Immagine

Brescello 28 dicembre 2022 - Il progetto HyPOWERED lanciato da Immergas a gennaio 2020 fissava come obiettivo lo studio e lo sviluppo di un prototipo per un nuovo modello di caldaia a condensazione a basse emissioni inquinanti per il riscaldamento residenziale e la produzione di acqua calda sanitaria. 

Il progetto “HyPOWERED – Caldaia a condensazione per la combustione pulita ed efficiente di miscele gassose di metano e idrogeno”, è basato su investimenti per 1.200.500 Euro stanziati da Immergas e in parte finanziati con le risorse del bando “Legge regionale N.14/2014 domanda di contributo per l’accesso all’accordo regionale di insediamento e sviluppo – in attuazione dell’Art. 6 LR 14/2014 – Bando 2019” della Regione Emilia-Romagna.

Il Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Por Fesr) 2014-2020 messo in campo dall’Unione Europea e dalla Regione Emilia-Romagna metteva a disposizioni delle imprese circa 482 milioni di Euro per raggiungere obiettivi di crescita e sviluppo del sistema produttivo e territoriale regionale. Risorse che, insieme a quelle stanziate da altri programmi europei, nazionali e regionali, si stanno rivelando un’occasione importante per una nuova fase di sviluppo.

«Grazie al bando lanciato da Regione Emilia Romagna e Unione Europea» – commenta il Presidente di Immergas Alfredo Amadei - «abbiamo ulteriormente potenziato i nostri investimenti in ricerca e siamo in grado di lanciare la prima gamma di caldaie a condensazione con la certificazione Hydrogen Ready 20%. Le caldaie VICTRIX SUPERIOR potranno ora funzionare con unico codice a metano, GPL, aria propanata e miscela fino al 20% di idrogeno».

 

Ricadute occupazionali:

Il bando cofinanziato dal Fondo Europeo di sviluppo regionale aveva anche, come ulteriore finalità, l’assunzione di personale in buona percentuale altamente qualificato.
In Immergas, grazie al Progetto HyPOWERED i lavoratori assunti sono stati 28, un numero più alto dei 20 previsti dal bando.

«È una opportunità in più che il territorio dell’Emilia Romagna può sviluppare» - ha commentato l’Assessore allo Sviluppo Economico e Lavoro Vincenzo Colla - «e che aiuterà la ripresa puntando sulla green economy e creando nuova e buona occupazione».

 

Collaborazioni esterne:

Come previsto dal bando regionale, nel progetto erano previste collaborazioni con Università e centri di ricerca. Nel corso del progetto di ricerca, Immergas ha sviluppato attività in collaborazione con il dipartimento di ingegneria civile e industriale (DICI) dell’Università di Pisa (referente la professoressa Chiara Galletti) e con MISTER Smart Innovation, centro di innovazione e laboratorio di ricerca industriale che ha sede a Bologna accreditato nella Rete Alta Tecnologia della Regione Emilia Romagna.

Il completamento del progetto HyPOWERED, a fine dicembre 2022, consentirà a Immergas di partecipare attivamente anche alla sperimentazione lanciata da Hera in un quartiere di Castelfranco Emilia (MO) per utilizzare una percentuale di idrogeno nella rete di distribuzione gas cittadina gestita da Inrete Distribuzione Energia, la società del gruppo Hera che svolge l’attività di distribuzione del gas naturale e dell’energia elettrica. Questa iniziativa, che coinvolge una trentina di famiglie, è la prima di questo tipo in Italia e ha l’obiettivo di studiare soluzioni innovative per l’utilizzo dei green gas, vettori energetici a basso impatto ambientale che, a regime, potranno contribuire alle esigenze di decarbonizzazione del territorio, con importanti benefici per l’ambiente.

Il team di ricerca Immergas, guidato da Marco Folli, ha messo a punto e testato positivamente il prototipo per un modello innovativo di caldaia a condensazione a basse emissioni inquinanti per uso residenziale. L’apparecchio sviluppato può essere alimentato con combustibile rinnovabile formato da una miscela di metano con idrogeno a partire da 20% in volume. La funzionalità altamente innovativa del prototipo sarà la capacità di adattarsi automaticamente alla variabilità temporale della percentuale di idrogeno nella miscela, garantendo istantaneamente la combustione più sicura ed efficiente.

I risultati della sperimentazione sono pubblicati a livello nazionale e internazionale su portali dedicati alla ricerca scientifica.

 
Share this content

19 Dec 2022

PMI DAY 2022: ALLA SCOPERTA DEL MONDO IMMERGAS

Immagine

Le classi terze delle scuole medie di Brescello e Poviglio, in visita allo stabilimento a Lentigione di Brescello, hanno preso contatto con le nuove soluzioni per il clima domestico orientate alla sostenibilità e al risparmio energetico.

 

Brescello 19 dicembre 2022 - “Qui sta prendendo forma il clima domestico che vivrete nelle vostre case tra qualche anno”. La due giorni porte aperte PMI DAY Industriamoci 2022 nel quartier generale della Immergas a Lentigione di Brescello (il 15 e 16 dicembre), è partita da una “lezione di storia” nel museo aziendale Immergas. Un percorso di sviluppo che è partito dalle origini, nel 1964, quando sull’onda della metanizzazione della Pianura Padana tre giovani: Romano Amadei, Gianni Biacchi e Giuseppe Carra crearono quello che oggi è il gruppo Immergas, per arrivare al “Laboratorium”, il Centro Ricerche Immergas dove nascono le nuove soluzioni, i sistemi ibridi, le caldaie Hydrogen Ready e tanti progetti no gas, ma passando dalle linee produttive per capire che “in fabbrica” i ruoli da giocare, come in una squadra sportiva vincente, sono tanti e tutti importanti. Gli allievi delle classi terze delle scuole medie di Brescello e Poviglio, con i loro insegnanti, hanno partecipato a uno dei laboratori didattici, che ormai da diversi anni Immergas propone alle scuole in tutta Italia: il progetto “Energie per la scuola: produrre meglio consumare meno”. La lezione curata dall'associazione per la divulgazione scientifica Googol di Parma è l’evoluzione di quella messa a punto nel 2014 in occasione del 50° dalla fondazione di Immergas. Il progetto ha già raggiunto 7.000 alunni di circa 45 scuole in 7 regioni: Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Marche e Campania e continuerà anche nel 2023. Il programma didattico sulle energie lanciato da Immergas è al centro del Protocollo d’Intesa firmato dal Presidente Alfredo Amadei con il MIUR (il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica) per diffondere il progetto a livello nazionale.

«Aprire l’azienda» – commenta il Presidente di Immergas Alfredo Amadei – «è per noi un momento importante di confronto. Con le scuole, dai più piccoli alle Università, con tutti i protagonisti della filiera che ogni giorno lavora per migliorare il clima delle case in cui viviamo, quindi con tanti professionisti e con tutte le espressioni più attive dei territori dove operiamo. Un impegno che è alla base del nostro fare impresa e che continuerà a essere un tratto distintivo di Immergas».

 

Immergas partecipa da molti anni al PMI DAY Industriamoci. Un impegno riconosciuto dal premio «Impresa amica della Scuola» ottenuto nel 2017 e conferito da Confindustria a 41 aziende in tutta Italia.

Il PMI Day Industriamoci per Unindustria Reggio Emilia è arrivato alla tredicesima edizione e per il primo anno, il progetto vede il coinvolgimento di tutte le provincie dell’Emilia-Romagna. In questa edizione sono 66 le imprese reggiane piccole, medie e grandi, che hanno deciso di aprire le porte dei propri stabilimenti per ospitare 124 classi di 22 istituti comprensivi del territorio, per un totale di circa 3.000 studenti di terza media. I ragazzi saranno chiamati a scegliere presto la scuola secondaria di secondo grado in cui iscriversi il prossimo anno e l’obiettivo delle visite è proprio quello di far conoscere alle nuove generazioni il mondo dell’impresa.

 
Share this content

01 Dec 2022

IMMERGAS EUROPE GROWS GREEN

Immagine

Immergas Europe has won the award for Best Italian Company in Slovakia 2022.Over the course of fourteen years, revenue has increased from 5.8 to 68 million Euro, headcount has grown from 45 to 130 and the company plans to invest to improve sustainability and production capacity for new HVAC systems. Yesterday the Italian Ambassador to Slovakia Catherine Flumiani visited the headquarters of Immergas Europe.

Brescello 1st December 2022– In 2006, a winning intuition pictured a new production site on a meadow on the outskirts of Poprad, Slovakia, at the foot of the High Tatras, to propel the international development of Immergas. Today Immergas Europe plays an important role in the vision that Immerfin group has for the coming years, as confirmed by the chairperson of Immergas Alfred Amadei:  «total investment since Immergas Europe was ‘green field’ amounts to 15 million Euro; this has made it possible to develop our industrial site over an area that has grown from 6,800 sqm in 2008 to over 15,000 sqm today.  In the same area, an additional expansion is currently in the advanced evaluation phase, with the construction of new production spaces; important developments aimed at improving energy sustainability.  Plans have been made for the installation of a large photovoltaic system to serve all of the firms in the industrial hub of Poprad. The investment will be made by PPP Sro, a company of which Immergas is a shareholder». 

In Poprad, the General Manager Pasquale Berardinetti and Ettore Bergamaschi, Operational Marketing and Communication Director at Immergas Italy, met Her Excellency

Catherine Flumiani, Italian Ambassador in Bratislava, to announce the new development line that will be further geared towards innovation and sustainability in condensing boilers and HVAC systems, which have been produced by Immergas Europe since 2008.

This progress was highlighted in June, during the celebrations for the 25th anniversary of the foundation of the Italian-Slovak Chamber of Commerce (200 companies-strong). Immergas Europe was awarded “Best Italian Company in Slovakia 2022”.  The chairperson of Immergas Alfredo Amadei was handed the CAMIT Award.  This was the reason for the award: “For the approach and dedication of the management team, focused on innovation and social responsibility as competitive advantages: goals pursued with professionalism, determination and with care towards the local community”.  In his greeting message to the Italian Ambassador in Slovakia marking their visit in Poprad, Alfredo Amadei wrote: “we are proud of the results achieved so far and of the partnership developed with Slovak authorities.  The friendly relationships we have built are the solid base for new growth plans”.

«From this year, the Immergas Europe plant, which in its initial stages was focused on the assembly and testing of conventional monothermal and bi-thermal boilers, and later on condensing boilers» – commented General Manager of Immergas Europe Pasquale Berardinetti - «now features two lines for the production of copper and steel pipes.  This is the first step towards the industrial verticalization that has distinguished the growth of the parent company Immergas and that now will be instrumental to the further growth of Immergas Europe».

Ten years ago (26th October 2012) Roberto Martini, the then Italian Ambassador, visited the Immergas Europe factory. In September 2016, the then President of the Republic of Slovakia Andrej Kiska inaugurated the expansion of the production lines.  Catherine Flumiani, after many international postings, has led the Italian Embassy in Slovakia since May 2021.

During her visit at the Immergas Europe factory, synergies among European players have been at the centre of the Ambassador’s considerations:  «the scenarios we are facing demand a new approach, they demand a great partnership between countries that share common values.  Italian businesses can have a role of great importance in this process and companies like Immergas Europe, that has managed to take root in Slovakia, will be called to an increasingly active role».

«The choice Immergas faces is clear» - says Ettore Bergamaschi, Operative Marketing and Communications Director at Immergas Italia - «taking Made in Italy to the whole world to bring more comfort and opportunities for saving energy and creating the ideal climate in homes». 

The first ever Immergas boiler left the factory in Slovakia in May 2008 and since then the trend has grown constantly:  26,900 boilers in the first year, over 139,000 in 2017 reaching 180,000 this year, thanks to the expansion from one to five production lines. The Immergas Europe factory, inaugurated in Poprad on 9th September 2008, employed originally 45 workers, increasing to 84 in 2017 and currently standing at 130. 

Immergas Europe, founded on 19th October 2006, started with revenues at €5.8 million, growing to €41 million in 2017 and forecast to exceed €68 million this year.  Only a fraction of the Poprad factory output is sold in Slovakia (around 5%), the rest being exported mainly to Romania and China but also to Algeria, Russia, Poland, Hungary, the United Kingdom, Greece, Estonia and Czechia.

 
Share this content

17 Nov 2022

CLIMA DOMESTICO: VERSO UN FUTURO MULTI-TECNOLOGICO E MULTI-ENERGETICO

Immagine

A Milano il meeting Assotermica ha fatto chiarezza sui nuovi scenari per il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria nelle applicazioni domestiche. Alberto Montanini, Presidente di Assotermica e Direttore Normative e Rapporti Associativi Immergas ha confermato l’impegno nella transizione energetica.

Immergas sperimenta con Hera a Castelfranco Emilia, per la prima volta in Italia, l’utilizzo in rete di una miscela di idrogeno e gas naturale.

 

Brescello 17 novembre 2022 – Parola d’ordine “Pluralità Tecnologica”, anche in relazione alle prevedibili prossime distribuzioni di incentivi, per aumentare realmente e in modo diffuso su tutti i territori la sostenibilità dei sistemi di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria, tentando di dare concretezza ai grandi obiettivi di sostenibilità, risparmio energetico e decarbonizzazione che l’Unione Europea e ancora prima l’Italia si stanno dando.

«Non c’è, oggi, la soluzione unica e perfetta per ridurre il peso dei sistemi per il clima domestico e l’acqua calda sanitaria favorendo la transizione energetica e centrando gli obiettivi di decarbonizzazione» – ha commentato il Presidente di Assotermica Alberto Montanini aprendo a Milano il meeting L’industria del riscaldamento protagonista della transizione ecologica, verso un approccio vincente alla decarbonizzazione – «un approccio che dovrà essere necessariamente graduale (nella tempistica e nella disponibilità di incentivi) e dovrà essere multi-tecnologico e multi-energetico».

Un nuovo contributo concreto alle scelte che dovranno essere al centro delle politiche europee e nazionali arriva dallo studio condotto dal dipartimento DESTEC dell’Università di Pisa in collaborazione con Assotermica (federata Anima Confindustria) che in tre fasi (l’ultima è prevista nel 2023) analizza le prestazioni energetiche, ambientali ed economiche di diverse soluzioni per il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria, anche con combustibili innovativi, facendo riferimento a un set di “edifici tipo” rappresentativi del comportamento energetico medio del parco residenziale italiano. L’obiettivo è quello di confrontare le potenzialità di ogni soluzione, individuando le più promettenti secondo tutti gli obiettivi della transizione.

«Il tema del momento è la concretezza: come mettere a terra soluzioni possibili» - ha detto Federico Musazzi, Segretario Generale di Assotermica – «possibili e realizzabili come la sperimentazione appena avviata dalla multiutility Hera grazie all’impegno di InRete Distribuzione Energia, utilizzando per la prima volta in Italia una miscela di idrogeno e gas naturale nelle reti di distribuzione esistenti. Una sperimentazione messa in campo con il contributo di tutti gli operatori della filiera del gas, dalle società di distribuzione, ai costruttori di equipment tecnologici, fino ai produttori di apparecchi di riscaldamento e a enti riconosciuti a livello internazionale che hanno supervisionato ogni aspetto di sicurezza dell’iniziativa».

Immergas è tra i protagonisti della sperimentazione che coinvolge una trentina di famiglie a Castelfranco Emilia nel modenese.

«Le prime valutazioni dello studio avviato nel 2021» – conferma Paolo Conti, docente dell’Università di Pisa - «mostrano come sia possibile creare una sinergia tra risparmi economici per gli utenti e gli obiettivi energetico-ambientali della transizione energetica. Non è possibile identificare a priori un’unica soluzione universalmente migliore rispetto alle altre sul medio-lungo periodo. D’altra parte lo studio ha evidenziato il potenziale delle pompe di calore a gas e degli apparecchi ibridi, che riescono a unire i vantaggi dell’utilizzo del vettore elettrico e dei generatori di calore a combustione, ottenendo benefici contemporanei su tutti i tre indicatori: ambientale, energetico ed economico. L’utilizzo di idrogeno verde e di biometano in miscela consentirebbe un ulteriore risparmio di CO2 e di energia primaria non rinnovabile».

Sono state comparate le potenzialità delle caldaie a condensazione, delle pompe di calore sia elettriche che a gas e degli apparecchi ibridi rispetto alle vecchie caldaie. Inoltre per tutti i generatori a combustione è stato simulato l’impiego di metano, miscela al 20% in volume di idrogeno “verde”, miscela al 20% in volume di biometano e 100% idrogeno verde.

Secondo Alberto Montanini, Presidente di Assotermica e Direttore Normative e Rapporti Associativi Immergas: «lo studio dimostra come in questo particolare momento storico, in cui è pressante la necessità di ridurre i consumi per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria, gli apparecchi ibridi factory made siano una scelta vincente. Grazie agli ibridi infatti è possibile ottenere convenienza non solo economica ma anche energetica e ambientale, senza dimenticare il tema della sicurezza dell’approvvigionamento. Oltre a questo, trova conferma il principio secondo il quale la vera forza della nostra industria è quella di poter offrire una pluralità di tecnologie, ognuna delle quali ha caratteristiche tali da poter contribuire da protagonista alla sfida della decarbonizzazione».

 

Al meeting Assotermica (in collaborazione con la fiera MCE Expocomfort) hanno partecipato Patrizia Toia, Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia (ITRE) e membro della Commissione per lo Sviluppo che ha ribadito la grande attenzione della Commissione Europea alla “fattibilità” delle scelte che impatteranno sulla vita di tutti i cittadini europei, scegliendo vie percorribili, evitando posizioni ideologiche preconcette (subito “tutto elettrico”, anche senza tenere conto della non fattibilità tecnica ed economica) per arrivare alla decarbonizzazione in collaborazione con le industrie produttrici.

Analogo il tenore del contributo di Federica Sabbati, Segretario Generale di EHI (il corrispondente europeo di Assotermica) e di Raffaele Cattaneo, Assessore Ambiente e Clima Regione Lombardia.

 

Alla tavola rotonda che ha concluso il meeting hanno partecipato: Giovanni Puglisi di ENEA, Federico Brivio di Robert Bosch, Marta Bucci di Proxigas, Stefano Casandrini Direttore Marketing e Comunicazione di Ferroli S.p.A. e Vice Presidente di Assotermica e Rosa Filippini di Amici della Terra.

In contemporanea con il meeting Assotermica a Milano, l'UE ha valutato l’impatto sociale del pacchetto "fit for 55" e il RePowerEU (pacchetto di Direttive e Regolamenti che impatteranno fortemente sul settore del clima domestico dove Immergas si posiziona per il breve, medio e lungo periodo definendo le tecnologie da incentivare e quelle da superare).

«E’ in questo scenario» – ha concluso Alberto Montanini – «che lavoriamo per puntare a

garantire il riconoscimento delle tecnologie principali sviluppate dalle industrie italiane (ibridi in primis) che sono anche basate sul gas e, soprattutto, a non assecondare battaglie ideologiche verso una tecnologia (caldaia) che dimostra, dati Enea alla mano, di avere dato e di poter dare un rilevante contributo alle strategie per il risparmio energetico e per la sostenibilità».

 

 
Share this content

27 Jul 2022

THE PIONEERS OF HYBRID CHANGE

Immagine

Immergas driving new investments to boost the transition to innovative and more sustainable home climate solutions. Chairman Alfredo Amadei: “Leveraging our competitiveness, we’ll continue investing to bring certainty to the market and to our employees around the world”.

 

Always take ”the extra step”. This is the key to Immergas’ growth that has been continuing since 1964 despite the current unprecedented complex scenario: pandemic, war in Ukraine, unparalleled difficulties in the procurement of raw materials and semi-finished products, sky rocketing energy costs.  “The extra step” is what confirms the positioning of Immerfin holding, controlled by the Amadei and Carra families, among the key players of sustainability and energy-saving oriented innovation in home climate systems.  The increase of sales volumes has enabled the company to keep the high investment levels that year after year have anticipated market trends with daring choices, such as the Hybrid Change/Chance (i.e. hybrid systems), which today represents “the extra step” in the challenging transition to innovative and more sustainable home climate systems offered by Immergas heat pumps and hybrid systems that recorded a 250% growth in 2021 sales. 

“Thanks to our competitiveness (8,000,000 boilers sold worldwide)” - remarked the Chairman of Immerfin, Alfredo Amadei – “we will continue investing to make Immergas grow to bring certainty (stability, continuity, evolution opportunities) to the market, designers, installers, retailer chains, end customers and our employees worldwide.  It is thanks to our employees (over one thousand of whom 620 at the headquarters of Lentigione di Brescello) that we can always offer the most suitable solution.  At our Research Center - Laboratorium we are testing advanced solutions: hydrogen, different gas blends, new heat pumps, new photovoltaic systems and many digital solutions to make the home climate control smart both for comfort and for management costs”.

 

2021 results and 2022 outlook – After six months of growth, 2022 is all about increasing sales: “if the deliveries of parts were regular” – points out Alfredo Amadei – “the positive trend would be even stronger, but what counts is our daily commitment to ensure the flow of goods leaving our plants: from Brescello, from Poprad (Slovakia), from our production plant in China, and in Quazvin (Iran) that is about to double in size”.

 

New investments – In addition to the “work in progress” in production plants, acceleration on new technologies is confirmed by projects like the Green Gas Academy, a true point of excellence, to look at the future, when the energy source mix will be increasingly more based on renewables, with the certainty of “the extra step”.

 

Immergas world – Researching new markets .

Alfredo Amadei: “We are living through a momentous and fast transition. Through our presence in more than 50 countries we see opportunities and “the extra step” decided in 2010 when we set up Immerenergy to take on the challenge of the world of photovoltaic energy and energy sources other than gas is now of strategic importance. In 2021 and even more in the first half of this year, the Immerenergy activities targeted to spread hybrid systems have been growing at very positive rates. As is the case of condensing boilers that have been “at home” in Immergas for many years and continue evolving thanks to digital solutions.  In 2021, 65% of the boilers manufactured was sold on foreign markets with successful case histories, such as the case of the Alpha Heating Innovation brand in the UK, Vips Gas in the Czech Republic and many more”.

In Ukraine and Russia, accounting for 2% of Immergas’ consolidated turnover, activities continue.

 

“The extra step” has something new - In the year of its 60th anniversary, Immergas is going to have new solutions to place on the market.  At the right time, as usual: “with no leap forward, but never a step behind. The same strategy adopted for its approach to sustainability, which is an overarching concept for Immergas, a part of its DNA, of the company’s genetic code” concludes Chairman Alfredo Amadei.

 
Share this content

Related news
 
“THE HYBRID CHANGE/CHANCE” IMMERGAS GOES GREEN

All over Europe, the new communication line “The hybrid Change/Chance” marks the start of the development plan that takes the group to its 60th year from foundation with the launch of new HVAC solutions increasingly geared to sustainability. 

IMMERGAS: “GREENER AND MORE DIGITAL”

The 2020 consolidated financial statements of Immerfin, the Italian holding company that controls the firm from Brescello (RE), positions the group among the leaders in innovation aimed at sustainability and energy saving in home climate systems: turnover of Euro 283 million and over 1,000 employees worldwide, with exports accounting for 54% of its activities. 

Contacts
 
IMMERGAS S.p.A.
VIA CISA LIGURE, 95 - 42041 BRESCELLO (RE) ITALY
marketing@immergas.com