28 lug 2021

IMMERGAS: PIÙ GREEN E PIÙ DIGITAL

Immagine

Il bilancio consolidato 2020 di Immerfin, la holding a capitale italiano che controlla l’azienda di Brescello (Re), posiziona il gruppo tra i protagonisti dell’innovazione orientata alla sostenibilità e al risparmio energetico nei sistemi per il clima domestico: fatturato a 283 milioni di Euro, oltre 1.000 addetti nel mondo, export al 54%. Alfredo Amadei annuncia nuovi investimenti rivolti al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti energetiche alternative, come biogas e idrogeno nei sistemi ibridi. Nel 2021 è atteso un aumento a doppia cifra del fatturato sia in Italia che all’estero.

 

Brescello 28 luglio 2021 – Nell’arco dei prossimi anni il clima domestico, che per decenni è rimasto fermo alla caldaia da riscaldamento e al condizionatore per raffrescare l’aria, vivrà una vera rivoluzione basata sulle fonti energetiche rinnovabili e sulla digitalizzazione dei sistemi integrati, capace di aprire nuovi orizzonti. «Viviamo e vivremo cambiamenti rapidissimi e abbiamo di fronte tante opportunità che Immergas è impegnata a cogliere, come ha sempre fatto in quasi 60 anni di impegno, per fornire il massimo comfort nelle case di tutto il mondo» - commenta Alfredo Amadei, Presidente di Immergas - «abbiamo scelto di continuare a investire nell’innovazione e nel made in Italy e oggi siamo pronti per affrontare le nuove sfide. I nostri sistemi ibridi integrati (caldaia, pompa di calore, supporti intelligenti di regolazione e controllo sempre più digital) sono il cuore del nostro futuro. La via è tracciata: The Hybrid Change - Chance. Un grande cambiamento e una grande opportunità che l’anno orribile della pandemia ha reso ancora più rapido. Le nuove normative sul clima, europee ma non solo, sono sfide epocali per tutto il settore termotecnico. Nei prossimi anni Immergas sarà più green e più digital. Il nostro piano investimenti, già dal 2022, porterà il gruppo verso le nuove frontiere, tratteggiate anche dal Green New Deal europeo, all’utilizzo dei biogas e dell’idrogeno con soluzioni studiate per il clima domestico».

La solidità patrimoniale della holding ha consentito di superare il 2020, che sarà ricordato come l’anno della pandemia, raggiungendo un valore della produzione pari a 283 milioni di Euro, di cui il 54% è stato realizzato sui mercati esteri, in linea con quanto conseguito nel 2019. I principali indici di redditività si sono mantenuti a livelli tali da sostenere il piano investimenti e la gestione del gruppo: Roe (return on equity) al 9,16% contro il 9,93% del 2019 e utile netto attestato a 28 milioni contro i 27,5 del 2019.

«Tutte le società che fanno parte del gruppo Immerfin» – aggiunge Alfredo Amadei – «hanno saputo reagire alle difficoltà del 1° semestre 2020, grazie ad azioni mirate dal punto di vista commerciale, che unite al lancio di nuovi prodotti, hanno indirizzato e stimolato la forza vendita nazionale ed estera verso il raggiungimento di obiettivi di sviluppo, che saranno ancor più evidenti quest’anno e nel 2022. Il primo semestre del 2021 è andato bene sia in Italia, grazie anche agli incentivi, che all’estero e ci attendiamo di chiudere il 2021 con una crescita a doppia cifra del fatturato, nonostante le difficoltà mondiali di approvvigionamento delle materie prime e i rischi ancora presenti legati alla pandemia».

Il marchio Immergas conferma la leadership in Italia nel segmento delle caldaie a condensazione e dei sistemi ibridi, mentre all’estero il mercato delle soluzioni per il clima domestico ha registrato nel 2020 andamenti differenziati a seconda dell’area geografica e del contesto geopolitico.

«Il gruppo Immerfin» – commenta Alfredo Amadei – «ha garantito la continuità del lavoro per oltre mille addetti nel mondo. Continuiamo a mettere al centro della nostra visione le politiche per valorizzare le risorse umane, puntando sulla formazione e mantenendo alto il livello di sicurezza operativa. Abbiamo riaperto gradualmente il nostro quartier generale di Brescello alle attività formative rivolte ai professionisti del settore termotecnico, che rimangono uno dei nostri punti di forza. Le vendite di caldaie a gas nei mercati in cui siamo presenti e radicati con la nostra rete di filiali commerciali (in totale 14), risultano sostanzialmente allineate all’esercizio precedente. In particolare: i volumi aumentano del 23% in Romania, dell’11% in Gran Bretagna e Slovacchia, del 7% in Bulgaria, del 5,5% in Ungheria, del 6% in Polonia, mentre sono sostanzialmente stabili in Italia e Grecia. Nei prossimi mesi riuniremo a Milano tutti i nostri partner internazionali per tracciare la road-map post pandemia e confermare i nostri piani di sviluppo in tutto il mondo, partendo dal potenziamento (raddoppio) dello stabilimento in Iran, unito ai continui investimenti in tutte le altre strutture produttive del gruppo».

Strategica continuerà ad essere la ricerca e sviluppo, che concentra a Brescello (Re) un team dedicato alle nuove sfide tecnologiche, sia dal punto di vista delle applicazioni dei biogas e dell’idrogeno, che dell’introduzione sempre più consistente delle tecnologie digitali nelle fasi di progettazione e produzione e nei singoli prodotti e sistemi.

Nel 2020 sono entrati in produzione, complessivamente, 34 nuovi prodotti tra caldaie, sistemi ibridi e bollitori in pompa di calore, con 8 nuovi modelli di caldaie per i mercati esteri e ben 21 nuovi codici di prodotti ibridi/no gas.

«A livello di prodotto» – commenta Alfredo Amadei – «la nostra scelta di puntare sui sistemi ibridi integrati, effettuata negli scorsi anni, si sta rivelando una strategia adeguata per affrontare le nuove sfide imposte dai target 2030 relativi alle emissioni e miglioramento dell’efficienza e di quelli successivi, diretti alla neutralità energetica prevista per il 2050. La prova che l’investimento nel nuovo Centro Ricerche - Laboratorium, (inaugurato nel 2018) e nelle nuove soluzioni orientate alla sostenibilità e al risparmio energetico è vincente, arriva dai dati di mercato; nella fascia alta a più elevato contenuto tecnologico e dove la digitalizzazione sta entrando con forza (i sistemi ibridi), le vendite di tutti i marchi del gruppo Immerfin e in particolare di Immergas e Alpha Heating Innovation (da vent’anni attiva nel Regno Unito), nel 2020 sono risultate in sensibile aumento (+22%). Il 2021 si è aperto confermando i segnali di ripresa avvenuti nel 2° semestre del 2020, anche grazie agli investimenti a sostegno delle attività, quali ad esempio in Italia, le agevolazioni fiscali introdotte dal governo (bonus 110% e sconto in fattura)».

In questo complesso scenario economico, tutte le società del gruppo Immerfin, registrano nel primo semestre 2021 fatturati crescenti, sia rispetto allo scorso anno che alle previsioni, sia in Italia che all’estero; ma la ripresa dell’intero settore legato al clima domestico è comunque condizionata dalla carenza sul mercato globale di materie prime, dove si registra una vera situazione di emergenza, che condiziona la continuità produttiva.

«Il nostro è un orizzonte di lunga durata, guardiamo avanti 10 - 15 anni» – conclude Alfredo Amadei – «certamente gli aumenti di fatturato che abbiamo registrato nel primo semestre 2021 sono il frutto di continui investimenti sui sistemi ibridi che abbiamo messo in campo ormai da molti anni. I nostri programmi di formazione per gli installatori non riguardano più solamente gli aspetti tecnici e le tecnologie, ma anche quelli di consulenza a 360° per il cliente finale e Immergas in questo ruolo vuole continuare ad essere, come in passato, un punto di riferimento ben visibile e concreto, un partner per progettisti e installatori e per tutta la rete vendita, in Italia e all’estero. In Italia, inoltre, hanno agito positivamente anche gli incentivi, uniti al ruolo attivo di Immergas per sostenere il cambiamento».

 
Condividi questa notizia

27 mag 2021

“THE HYBRID CHANGE/CHANCE” IMMERGAS SI TINGE DI VERDE

Immagine

In tutta Europa la nuova linea di comunicazione The Hybrid Change/Chance segna l’avvio del piano di sviluppo che porta al 60° dalla fondazione del gruppo lanciando nuove soluzioni per il clima domestico, sempre più rispettose della sostenibilità. L’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) ha rilasciato a Immergas il Certificato di Registrazione per l’uso esclusivo.

Nella green line Immergas si inserisce anche il nuovo sito Immerenergy.

 

 

 

Brescello 27 maggio 2021 – È un 57° anno speciale quello che tutta Immergas sta vivendo perché il 2021 vedrà concretizzarsi nuovi investimenti mirati all’innovazione e alla sostenibilità.

“Nuovi prodotti e nuove soluzioni” – spiega il Presidente Alfredo Amadei – “che daranno un segnale di accelerazione verso il giro di boa dei nostri 60 anni, vissuti tutti all’insegna dell’innovazione, che trova concretezza nello sviluppo dei nostri nuovi sistemi ibridi e nel riconoscimento arrivato dall’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO), rilasciando a Immergas il Certificato di Registrazione per lo slogan The Hybrid Change/Chance. Nel settore del clima domestico potrà essere utilizzato solo in relazione ai prodotti e ai sistemi Immergas. È un riconoscimento importante che accresce la riconoscibilità dell’azienda. È un segnale chiaro, un marchio che parla del nostro modo di intendere la trasformazione che stiamo vivendo, non solo rispetto alla tecnologia ma anche nell’attenzione all’ambiente”.

Il lavoro del team marketing ha portato alla formulazione di un messaggio che sarà utilizzato in tutte le linee di comunicazione di Immergas.

 

L'EUIPO che ha sede a Alicante in Spagna dal 1994 è l'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale incaricato di gestire i marchi dell'Unione europea e i disegni e modelli comunitari registrati. Collabora anche con gli uffici di PI degli Stati membri dell'UE e con partner internazionali per offrire un analogo servizio di registrazione di marchi, disegni e modelli in tutta Europa e nel resto del mondo.

 

“The Hybrid Change/Chance” – commenta Ettore Bergamaschi Direttore Marketing Operativo e Comunicazione Immergas – “è stato scelto per rendere evidente, a fianco del marchio Immergas, la filosofia del Green Approach Immergas: il nostro modo di affrontare i nuovi progetti con l’obiettivo di ridurre consumi ed emissioni nocive fin dall’inizio, aumentando sempre le prestazioni e quindi l’efficienza dei nostri sistemi dedicati al clima domestico”.

The Hybrid Change/Chance è lo slogan che affiancherà il marchio Immergas nella comunicazione in tutta Europa accentuando la dimensione globale del marchio.

“Il concetto di ibrido (Hybrid) e al centro” – aggiunge Cristina Biazzi Responsabile Ufficio Comunicazione Immergas – “è una parola entrata nel linguaggio quotidiano per indicare l’unione di tecnologie tradizionali ed evolute verso la produzione e l’uso di energia in modo sempre meno dipendente dai combustibili fossili. È una tappa determinante per avvicinarci al minimo impatto sull’ambiente dei sistemi che rendono confortevole il clima delle nostre case. Il passo in avanti tecnologico è il cambiamento (Change) che molti professionisti hanno scelto e che noi sosteniamo con i nostri apparecchi, convinti che offrano a tutti una grande opportunità (Chance). Dalla combinazione di queste parole così importanti è nato lo slogan The Hybrid Change/Chance: basta variare una sola lettera (G/C) per passare da “cambiamento” a “opportunità”. È questo il segno di una positività che coincide perfettamente con lo spirito di Immergas, l’azienda che da quasi 60 anni va incontro all’evoluzione con l’intenzione di offrire sempre di più”.

Nella green line di Immergas si inserisce a pieno titolo il nuovo sito internet di Immerenergy, che visualizza in modo chiaro e immediato le due aree di attività, le soluzioni intelligenti e chiavi in mano basate sul fotovoltaico sia per le residenze che per le attività industriali che rientrano nel superbonus 110% e consente di richiedere direttamente un preventivo.

 
Condividi questa notizia

26 apr 2021

LA PAGELLA “GREEN” PROMUOVE IMMERGAS

Immagine

Un nuovo potenziamento del tetto fotovoltaico, la scelta di acquistare e utilizzare solo energia da fonti rinnovabili e l’illuminazione ambientale che è diventata total led a basso consumo, portano l’ASE (l’Analisi della Sostenibilità Energetica) condotta da RePower sullo stabilimento di Lentigione ai massimi livelli di efficienza.

Brescello 26 aprile 2021 – La transizione energetica in chiave ecologica, l’orientamento alla sostenibilità a 360°, alla Immergas è iniziata il 5 febbraio 1964 quando Romano Amadei, insieme a Gianni Biacchi e Giuseppe Carra, intuì che la metanizzazione della Pianura Padana lanciata dall’Eni guidata da un grande visionario, Enrico Mattei, avrebbe cambiato il mondo del riscaldamento domestico. E non si è mai fermata. L’ennesima conferma dei passi avanti nel “green approach” di Immergas arriva dalla innovativa “pagella energetica” per la principale unità produttiva Immergas a Lentigione di Brescello (Re), dove nascono le più avanzate soluzioni per il clima domestico. Il report 2021 evidenzia un risultato molto positivo: il rating ottenuto è 4 su un massimo di 5.

“E c’è tutto il nostro impegno per migliorare ancora sulla strada della sostenibilità che è la linea guida delle nostre scelte per lo sviluppo – commenta il Presidente di Immergas Alfredo Amadei – faremo ancora meglio nei prossimi anni. L’attestato di eccellenza ASE che renderemo evidente nella nostra comunicazione al mercato e ai fornitori si abbina al riconoscimento arrivato dall’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO), che ha rilasciato a Immergas il Certificato di Registrazione per lo slogan “The Hybrid Change/Chance”. Nel settore del clima domestico potrà essere utilizzato solo in relazione ai prodotti e ai sistemi Immergas”.

L’ASE (l’Analisi della Sostenibilità Energetica) lanciata dal gruppo RePower è basata su 10 focus point e valuta nel complesso la qualità e la sostenibilità delle forniture energetiche, l’ottimizzazione dei consumi, la prevenzione e sicurezza dell’impiantistica, l’indice di risparmio dei sistemi di illuminazione, gli aggiornamenti impiantistici e le soluzioni per favorire la mobilità elettrica. Se l’indice (o punteggio) ottenuto è pari ad almeno 3 punti (su un totale di 5) all’azienda viene rilasciato un attestato di eccellenza. In Immergas “adeguarsi alle normative” non basta. “L'evoluzione di cui abbiamo bisogno – aggiunge Alfredo Amadei - richiede un modo di pensare all'ambiente e alle attività industriali più avanzato: una vera rivoluzione nell'organizzazione delle strutture produttive che si trasferirà nelle realtà abitative in tutto il mondo, dove Immergas ha installato oltre 7 milioni e mezzo di caldaie”. Sui tetti degli stabilimenti Immergas, ormai da dieci anni, dal 2011, lavora silenzioso, pulito ed efficiente un importante impianto fotovoltaico con oltre 4 mila pannelli. “Un nuovo ampliamento, appena completato - spiega Alfredo Amadei - ha raddoppiato la potenza complessiva disponibile (1,9 MW di potenza per un totale di 2.000.000 di kWh annui prodotti). Un forte contributo quotidiano alla limitazione di consumi e di emissione dei gas serra che è stato evidenziato dall’Analisi della Sostenibilità Energetica di RePower”.

La colonnina per la ricarica dei veicoli elettrici installata davanti al Centro di Formazione Avanzata Domus Technica e la sostituzione dei vecchi sistemi di illuminazione lungo le linee produttive e negli uffici con Led a basso consumo e alta efficienza, sono altrettanti segnali verdi, che Immergas lancia unitamente ai programmi di educazione al consumo responsabile dell’energia. “Prima di tutto in azienda ma anche in tutti i nostri contatti – aggiunge Alfredo Amadei – compresi quelli con le scuole, che finita la pandemia torneranno ad essere al centro del programma Energie per la Scuola che ha già informato oltre 6.000 alunni in circa 40 scuole in 7 regioni.

“Accelerare è possibile – conclude Alfredo Amadei – siamo in campo sulle nuove fonti rinnovabili dal 2010, con la nostra divisione Immerenergy, e siamo pronti per entrare nell’era digitale.

I nostri lavori in corso si concretizzano mese dopo mese. La scelta di Immergas è quindi lontana dalla moda del momento, dal mordi e fuggi per ottenere qualche vantaggio di breve periodo. È un impegno costante fatto di investimenti e di una visione d’impresa orientata alla lunga durata, alla creazione di valore nel tempo”.

Nella green line di Immergas si inserisce a pieno titolo il nuovo portale internet di Immerenergy.

Il nuovo portale immerenergy.it, visualizza in modo chiaro e immediato le due aree di attività, le soluzioni intelligenti e “chiavi in mano” basate sul fotovoltaico, sia per le residenze che per le attività industriali che rientrano nel superbonus 110% e consente di richiedere direttamente un preventivo.

 
Condividi questa notizia

27 nov 2020

IMMERGAS CRESCE “DIGITAL”: ECCO SMARTECH PLUS

Immagine

Il forte investimento in ricerca e sviluppo, avviato con la creazione del Laboratorium, porta sul mercato un sistema innovativo per controllare il clima domestico nell’ottica del risparmio energetico. Il Presidente Alfredo Amadei: “Abbiamo già un nuovo piano investimenti su prodotti e soluzioni tecnologiche avanzate che parte dal 2020 e arriva al 2028.”

 

Brescello 27 novembre 2020 - Immergas guarda al futuro, entra nell’era “digital” e dopo un anno di ricerche e sperimentazioni condotte nel Laboratorium (il Centro Ricerche e Sviluppo inaugurato nel 2018), lancia “Smartech Plus”, un innovativo cronotermostato intelligente capace di controllare il clima di casa direttamente dallo smartphone. “Abbiamo completato la messa a punto del nuovo nuovo Smartech Plus durante i mesi di lockdown.”, commenta il presidente di Immergas Alfredo Amadei, “Così iniziamo a dare concretezza alla scelta di investire nelle nuove tecnologie per il clima domestico, orientate alla sostenibilità e al risparmio energetico. Questo ingresso nel mondo digital è solo il primo passo. L’innovazione è rottura con il passato, è sfida, è la nostra via maestra anche per rispondere alle nuove normative dell’Unione Europea in tema di riduzione dell’impatto dei sistemi di climatizzazione. C’è una forte accelerazione, ma la nostra road map e la nostra vision sono chiare. Abbiamo già un nuovo piano investimenti su prodotti e soluzioni tecnologiche avanzate che parte dal 2020 e arriva al 2028.”

Smartech Plus è nato e si evolverà anche grazie a una collaborazione con l’Università di Pisa (Dipartimento di Ingegneria dell’Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni, Direttore Prof. Ing. Umberto Desideri e responsabile scientifico Prof. Ing. Daniele Testi), che metterà a punto l’algoritmo che consente a Smartech Plus di acquisire dati sul clima domestico desiderato dall’utente con le sue regolazioni, ma anche grazie al cloud computing AWS di Amazon per le policy di sicurezza. È un prodotto “made in Italy” progettato e realizzato dal team Immergas: “Particolare attenzione è stata dedicata allo stile,”, spiega il Direttore Marketing Operativo & Comunicazione di Immergas Ettore Bergamaschi, “è alimentato con due batterie a stilo (quelle del telecomando Tv che si trovano sempre in ogni casa) quindi si può posizionare e spostare in ogni angolo della casa semplicemente appoggiato su un mobile, una libreria, oppure fissato alla parete. Il colore è bianco, ma saranno possibili in futuro altre varianti. Smartech Plus è stato disegnato dal designer Dirk Schumann (di Schumanndesign), che cura da molti anni lo stile di tutte le caldaie Immergas”.

Il nuovo cronotermostato è senza fili e integra molte funzioni che operano con il bluetooth (direttamente dal display, facile da leggere grazie alla tecnologia e-ink che lo caratterizza), mentre aggiungendo anche la connessione alla rete wi-fi domestica entra in campo anche l’applicazione per gli smartphone IOS e Android che apre moltissime opportunità, tra cui: i comandi di regolazione quando l’utente è fuori casa, il rilevamento del meteo locale, il rilevamento della assenza di persone nell’abitazione (geolocalizzazione di uno o più utenti abbinati con i telefoni cellulari abilitati), ed inoltre il comando con la voce attraverso gli assistenti virtuali Alexa e Google Home. Il nuovo Smartech Plus è anche in grado di segnalare sulla applicazione e sul display eventuali errori di funzionamento della caldaia e può controllare diverse abitazioni, ad esempio la seconda casa, semplicemente con un clic dal menu di accesso.

Tra le linee di sviluppo è prevista anche l’attivazione di un portale internet che consentirà di interagire con il cronotermostato sia all’utente sia al Centro di Assistenza Tecnica Autorizzato.

Il nuovo cronotermostato seguirà lo sviluppo di Immergas dalle caldaie ai sistemi ibridi e no gas per controllare, non solo l’acqua calda sanitaria e il riscaldamento di casa come avviene attualmente ma, anche pompe di calore e altri apparati. È utilizzabile sia nelle nuove installazioni sia per potenziare le funzionalità di impianti esistenti, beneficiando di concreti vantaggi in termini di risparmio energetico: “Un corretto utilizzo del controllo della temperatura domestica (rispetto a quella esterna) e delle funzionalità di programmazione”, precisa Cristian Zambrelli, Direttore Innovazione Tecnologica Immergas, “garantisce risparmi del 10% e oltre sui consumi dell’impianto controllato. Un vantaggio rilevante anche in termini di contributo alla riduzione dei fattori inquinanti”. Tra i plus competitivi spicca la compatibilità: “Il massimo utilizzo delle funzionalità già sviluppate e di quelle che progressivamente saranno implementate, prevede la compatibilità, garantita con le caldaie Immergas prodotte dal 2005 in poi (e per alcune funzioni anche con quelle più datate), e anche per molte altre caldaie non Immergas con tecnologie analoghe”.

Lo Smartech Plus si posiziona tra i prodotti innovativi nell’alto di gamma. Sarà acquistato, consegnato e installato dal CAT, il Centro di Assistenza Tecnica Immergas che segue l’utente finale (quasi 600 capillarmente distribuiti in tutta Italia). “Abbiamo scelto di presentarlo sul nuovo portale www.casa.immergas.com e sui canali social (prossimamente anche con un video)”, conclude Ettore Bergamaschi, “perché è dedicato espressamente all’utente finale e contiene molte informazioni sui sistemi Immergas, e infatti basta un clic per ottenere tutti i dettagli anche sulle modalità di acquisto e installazione, anche in relazione ai nuovi incentivi lanciati dal Governo”.

 
Condividi questa notizia

27 ott 2020

IMMERFIN: “la forza della green vision”

Immagine

Il bilancio consolidato 2019 fissa i ricavi a 285 milioni di euro. Il Presidente di Immergas Alfredo Amadei annuncia nuovi step di crescita sui mercati esteri, e porta il focus sulla ricerca e sviluppo e sull’innovazione per affrontare i grandi cambiamenti che il settore del clima domestico vivrà nei prossimi anni. Oltre 1.000 addetti nel mondo tra i quattro stabilimenti di Brescello (Re), Slovacchia, Cina e Iran, e le filiali commerciali. La previsione 2020 conferma i margini di redditività che sosterranno il piano di sviluppo del gruppo nei prossimi anni.

 

Brescello 27 ottobre 2020 – ““The Hybrid Change” in Immergas significa indirizzare l’evoluzione tecnologica verso soluzioni innovative più efficienti e a basso impatto ambientale. Cambiare, secondo noi, è l’opportunità”. Alfredo Amadei, Presidente di Immergas, azienda che si posiziona tra i protagonisti a livello mondiale nel settore del clima domestico, guarda all’evoluzione delle tecnologie più innovative per disegnare il percorso che porterà il gruppo Immerfin, nato a Brescello, verso nuovi step di crescita: “Chiuderemo il 2020“, spiega Alfredo Amadei, “con ricavi da vendite e servizi di poco inferiori all’esercizio precedente, con il fatturato estero che si attesta intorno al 55%. Una flessione contenuta rispetto all’anno precedente, grazie alla scelta di diversificare le unità produttive (in Slovacchia, Cina e Iran oltre che in Italia). Il lockdown e l’andamento non brillante di alcuni mercati fortemente colpiti dall’emergenza sanitaria nel primo semestre, sono stati compensati da un sensibile recupero nella seconda parte dell’anno, Italia ed Est Europa in primis; quindi prevediamo a fine 2020 di mantenere la redditività sui livelli del 2019. Un andamento che comunque ci consentirà di accelerare gli investimenti in ricerca e sviluppo per mantenere alta la nostra competitività in un mercato che cambierà rapidamente, posizionando Immergas e gli altri marchi del gruppo (come Alpha Heating Innovation da 20 anni sul mercato in Regno Unito) nella fascia alta, valorizzando la scelta di essere sempre di più fornitori di sistemi innovativi per il clima e il benessere ambientale, piuttosto che costruttori solo di caldaie. L’orizzonte su cui la Società intende operare è quello delle nuove tecnologie a basso impatto ambientale promosse dal Green Deal Europeo e sulle nuove sfide nell’ambito delle energie rinnovabili. Su questi temi che riguardano la sostenibilità sono impegnati da diversi anni i dipartimenti di Innovazione e di Ricerca, che sono da annoverare tra i principali asset aziendali. Su questo fronte non escludiamo partnership internazionali, siamo disponibili a collaborare con le università e aperti alle idee innovative che possono arrivare dalle start-up e dai talenti che si stanno muovendo nell’ottica della sostenibilità ambientale”.

In buona sostanza il primo semestre 2020 si è concluso con un andamento positivo per il gruppo Immerfin, in linea con le previsioni pre-COVID 19 e per alcuni aspetti migliore, mentre in Italia il calo è stato inevitabile e nel 2021 si dovranno valutare gli effetti concreti della politica di incentivi lanciata dal Governo italiano.

“Quello che abbiamo davanti”, commenta Alfredo Amadei, “è un rapido cambio tecnologico. Se per passare dalle caldaie tradizionali la transizione è sembrata lenta (una decina d’anni), per passare all’ibrido i tempi saranno ben più brevi, mentre la nuova frontiera del settore è costituita da sistemi funzionati con “green gas” e idrogeno (come sta avvenendo nell’automotive). Si sta configurando un nuovo scenario competitivo e tecnologico, con nuovi player di importanti dimensioni che entreranno nel settore del clima domestico con forti investimenti. La sfida che Immergas vuole cogliere è sempre la stessa: svolgere un ruolo da protagonista su questo nuovo mercato”.

Il bilancio Immerfin 2019 - Il gruppo Immerfin che controlla Immergas, marchio leader in Italia per le caldaie a condensazione, nel 2019 ha registrato un sensibile aumento dei ricavi saliti a 285 milioni dai 270 del 2018 con il Roe quasi al 10%. I volumi complessivi di vendita si sono attestati intorno alle 400.000 unità nel mondo portando il totale delle caldaie installate ben oltre i 7.000.000. Nel 2019 i volumi realizzati dal gruppo sono aumentati del 6% in Italia, del 22% in Regno Unito e Spagna, del 12% in Repubblica Ceca, del 16% in Romania, del 23% in Polonia, del 17% in Ungheria, del 15% in Bulgaria e del 130% in Grecia. Sul territorio italiano Immergas ha confermato la pluriennale leadership nel comparto caldaie, e anche nei mercati extra UE nel 2019 le performance sono state positive in Russia (+20%), Ucraina (+4%) e Cina (+5%). In quest’ultimo Paese, nonostante la difficile congiuntura di mercato, le vendite di Immergas Beijing sono risultate in crescita anche grazie all'inaugurazione in autunno del nuovo polo di Changzhou che, con la produzione di apparecchi dedicati a questo importante mercato, offre nuove prospettive di sviluppo.

L’internazionalizzazione Immerfin, sotto la guida del Presidente Romano Amadei, ha investito con grande lungimiranza in Slovacchia, nel polo produttivo di Poprad (ora 121 addetti), che anche in era COVID 19 dimostra tutta la sua valenza strategica: “Nei primi sei mesi del 2020”, commenta Alfredo Amadei, “l’unità produttiva slovacca ha risposto in pieno alle richieste del mercato, permettendoci di raggiungere la produzione di 150.000 caldaie. In Cina la fase di avvio del nuovo stabilimento è stata ovviamente rallentata dalla pandemia e ancora per quest’anno non avremo i risultati attesi, ma dal 2021 saremo pronti a cogliere tutte le opportunità. Lo scenario è analogo anche a Quazvin in Iran, dove la nuova fase della nostra start-up produttiva è pronta per girare a pieno ritmo”.

La pandemia da COVID 19 ha prodotto effetti ancora in parte non quantificabili e certamente più rilevanti in Italia rispetto ai Paesi dove Immerfin è presente.

“Il nostro modello industriale”, aggiunge Alfredo Amadei, “è basato sulla qualità dei prodotti e sull’aggiornamento della gamma, ma si fonda anche sul rapporto diretto con progettisti, installatori e rivenditori. Il 2020, prima nel corso del lockdown e poi nei mesi successivi, ha imposto cambiamenti rilevanti. Niente fiera (MCE Expocomfort a Milano), niente visite in azienda e nemmeno incontri sul territorio. Questo scenario mutato, ci ha imposto di impegnarci con soluzioni alternative alle iniziative in presenza.

Immergas comunque investe e investirà non solo sul fronte tecnologico, ma anche sui partner del Caius Club (oltre 20.000 tra installatori e progettisti) e sui servizi assicurando il massimo sostegno ai professionisti del settore, in termini di consulenza e formazione avanzata, che è un tratto caratteristico dei primi 56 anni di storia della società”.

 
Condividi questa notizia

Notizie correlate
 
IMMERGAS: PIÙ GREEN E PIÙ DIGITAL
Il bilancio consolidato 2020 di Immerfin, la holding a capitale italiano che controlla l’azienda di Brescello (Re), posiziona il gruppo tra i protagonisti dell’innovazione orientata alla sostenibilità e al risparmio energetico nei sistemi per il clima domestico: fatturato a 283 milioni di Euro, oltre 1.000 addetti nel mondo, export al 54%. 
IMMERGAS: INDUSTRY 4.0 FATTA DI PERSONE

Il Presidente Alfredo Amadei annuncia per il 2018 un altro record: 6 milioni di caldaie vendute nel mondo. Un nuovo punto di partenza per affrontare le sfide globali potendo contare su impianti produttivi in Slovacchia e in Iran e su una forza lavoro che supererà le 1.000 unità.

IMMERGAS: VENDUTE NEL MONDO OLTRE 6 MILIONI DI CALDAIE

Il Presidente Alfredo Amadei annuncia l’ennesimo record produttivo che diventa il nuovo punto di partenza per affrontare le sfide globali, potendo contare su impianti produttivi in Slovacchia e per il 2019 sul nuovo stabilimento in costruzione in Cina.

IMMERFIN CRESCE: VENDITE +16% NEL 2018

Il bilancio del gruppo Immerfin evidenzia un fatturato consolidato di 311,1 milioni di euro realizzati per il 70% sui mercati esteri. I massicci investimenti fatti in Italia (il nuovo Centro Ricerche - Laboratorium) e quelli in corso in Cina (stabilimento produttivo) aprono a nuove prospettive di sviluppo.

IMMERGAS INVESTE SULLA VIA DELLA SETA

Il nuovo polo produttivo avviato a Changzhou sarà inaugurato ufficialmente entro la fine dell’anno. La prima caldaia dedicata al mercato cinese è già stata prodotta.

Contatti
 
IMMERGAS S.p.A.
VIA CISA LIGURE, 95 - 42041 BRESCELLO (RE) ITALY
marketing@immergas.com