DETRAZIONI E CONTO TERMICO 2018

SCEGLI ANCHE NEL 2018 LA QUALITÀ IMMERGAS E MOLTIPLICA IL RISPARMIO CON DETRAZIONI E INCENTIVI!
 
Sostituire la caldaia con un modello più efficiente o con una pompa di calore e/o installare il solare termico sono tutti interventi che ti consentono di ridurre i costi della bolletta ed anche di beneficiare di agevolazioni fiscali o incentivi.

Fino al 31 dicembre 2018, infatti, puoi scegliere tra ben tre possibili soluzioni (alternative fra loro):
  • DETRAZIONE 50% IRPEF (BONUS CASA) per ristrutturazioni edilizie e interventi finalizzati al risparmio energetico in immobili residenziali esistenti
  • DETRAZIONE 50%-65% IRPEF - IRES (ECOBONUS) per le riqualificazioni energetiche degli edifici esistenti
  • CONTO TERMICO 2.0 per l'efficienza energetica e l'uso delle fonti rinnovabili negli edifici esistenti (questo incentivo, diversamente dalle Detrazioni, non ha scadenza)

N.B. Per lavori di riqualificazione energetica delle parti comuni condominiali, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, i CONDOMINI e gli ISTITUTI AUTONOMI PER LE CASE POPOLARI (ex IACP) potranno contare su agevolazioni più elevate.
Per approfondimenti al riguardo vai alla sezione DETRAZIONE 65% IRPEF e IRES!


IMPORTANTE!
I privati possono godere, in determinati casi, di un ulteriore beneficio fiscale: l'IVA agevolata al 10%. Per approfondimenti al riguardo vedi l'apposita sezione.
Questo ulteriore sgravio, abbinabile alle agevolazioni di cui sopra, può riguardare diverse tipologie di interventi effettuati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata e relative pertinenze.
 

Continua a leggere  
Di seguito una descrizione dettagliata delle singole soluzioni con tutte le specifiche del caso e la relativa documentazione scaricabile.
Prima, però, alcune considerazioni utili per orientarsi tra le diverse detrazioni per le ristrutturazioni, riqualificazioni energetiche e Conto Termico applicabili nel 2018; occorre infatti sottolineare che NON tutti i soggetti sono ammessi alle diverse forme di agevolazione:
 

Soggetti IRPEF

BONUS CASA (Detrazione 50% per ristrutturazioni)

ECOBONUS (Detrazione 
50%-65%
per riqualificazioni energetiche)

CONTO TERMICO
2.0

PRIVATI
(solo per abitazioni e relative pertinenze)

SI

SI

SI
(non per caldaie a condensazione)

CONDOMINI
(solo per abitazioni e relative pertinenze)

SI

SI

SI
(non per caldaie a condensazione)

Soggetti IRES

BONUS CASA (Detrazione 50% per ristrutturazioni)

ECOBONUS (Detrazione 
50%-65%
per riqualificazioni energetiche)

CONTO TERMICO 2.0

IMPRESE
(solo per fabbricati strumentali utilizzati nell'esercizio dell'attività)

NO

SI

SI
(non per caldaie a condensazione)

Altri soggetti

BONUS CASA (Detrazione 50% per ristrutturazioni)

ECOBONUS (Detrazione 
50%-65%
per riqualificazioni energetiche)

CONTO TERMICO 2.0

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
(su edifici di pertinenza)

NO

NO

SI

ISTITUTI AUTONOMI CASE POPOLARI, ex IACP
(per interventi di riqualificazione energetica realizzati su parti comuni di edifici residenziali di proprietà)
NO SI NO

In particolare, il PRIVATO (soggetto IRPEF), può accedere a tutte e tre le forme di agevolazione – alternative fra loro – ma deve tener conto di quanto segue!
 
  1. Le Detrazioni fiscali (entrambe) e gli incentivi del Conto Termico riguardano edifici ed impianti esistenti (la prova dell'esistenza dell'edificio è fornita dall'iscrizione dello stesso in Catasto, oppure dalla richiesta di accatastamento, nonché dal pagamento dell'ICI/IMU, ove dovuta).
  1. Per le Detrazioni fiscali (entrambe) la prima discriminante è legata alla capienza dell'IRPEF: si ha, infatti, diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell'IRPEF dovuta per l'anno in questione; le eventuali somme eccedenti l'imposta non possono essere recuperate in alcun modo.

ESEMPIO: se la quota annua detraibile è di 1.200 euro e l'IRPEF nell'anno in questione ammonta a 1.000 euro, la parte residua della quota annua detraibile (200 euro) non può essere recuperata in alcun modo.

Il fatto che le Detrazioni fiscali:
  • vadano ripartite su 10 anni,
  • possano spettare anche ai familiari (ovvero il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado) conviventi, se sostengono le spese,
può risultare quindi un vantaggio più che uno svantaggio!

L'incentivo del Conto Termico, invece, non è vincolato alla capienza IRPEF e viene riconosciuto in 2 (o 5) anni; per le pompe di calore, i sistemi ibridi a pompa di calore, gli scaldacqua a pompa di calore ed il solare termico, però, non tiene conto della spesa effettivamente sostenuta e si basa, invece, su specifici requisiti, coefficienti e formule. Il contributo, pertanto, può risultare poco consistente.
  1. Occorre anche considerare gli adempimenti (= burocrazia) e le spese di istruttoria previste per le varie agevolazioni:
  • la Detrazione 50% BONUS CASA è la più semplice e i dati richiesti vanno inseriti nella Dichiarazione dei redditi.
    N.B. Dal 2018 la Legge 205/17 prevede la comunicazione ad ENEA, ma si attendono istruzioni al rigurdo;
  • la Detrazione 50%-65% ECOBONUS prevede la redazione della c.d. "pratica ENEA", in genere da parte del Progettista (fanno eccezione alcuni interventi);
  • il CONTO TERMICO 2.0 prevede la redazione della "pratica GSE", in genere con necessità del progettista.

    N.B. Gli interventi di ristrutturazione dell'impianto di climatizzazione invernale o d'installazione dei pannelli solari richiedono comunque l'intervento del Progettista (per le pratiche edilizie, il progetto Legge 10, la redazione/aggiornamento dell'ACE-APE, …). Le spese del Progettista sono detraibili con entrambe le Detrazioni, mentre sono riconosciute solo in parte dal Conto Termico .

  1. Alcuni degli interventi impiantistici sono agevolati sia dalle Detrazioni fiscali che dal Conto Termico, altri no. Vediamo alcuni esempi.

    BONUS CASA, ECOBONUS e CONTO TERMICO:
  • sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale con pompa di calore ad alta efficienza e contestuale messa a punto ed equilibratura del sistema di distribuzione;
  • installazione di pannelli solari termici per produzione di acqua calda.

      ​BONUS CASA ed ECOBONUS:

  • sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale con caldaia a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione, mediante inserimento di valvole termostatiche a bassa inerzia termica (il Conto Termico incentiva questo intervento solo se realizzato dalla Pubblica Amm.ne).

      ​BONUS CASA (nel 2018 l'elenco degli interventi 'non edili' detraibili potrebbe subire modifiche):

  • sostituzione del vecchio generatore con caldaia ad ‘alto rendimento' e/o miglioramento del sistema termoregolazione;
    N.B. La semplice (mera) sostituzione del generatore di calore va effettuata nel rispetto della legislazione nazionale vigente in materia di sicurezza e risparmio energetico. È bene sottolineare che la legge prescrive, in caso di sostituzione, l’impiego di generatori più performanti e l’installazione di sistemi di regolazione per singolo ambiente o per singola unità immobiliare, assistita da compensazione climatica. A ciò si aggiunge l’obbligo di trattare l’acqua dell’impianto.
  • installazione di sistema integrato, composto da caldaia a condensazione + pompa di calore + solare termico, sull'esistente (l'ECOBONUS, invece, incentiva il sistema integrato solo se si opta per l'intervento di riqualificazione globale di cui alla L. 296/06, art. 1, c. 344);
  • installazione di impianto fotovoltaico fino a 20 kWp per uso domestico;
  • sostituzione di scaldacqua elettrico con scaldacqua a gas (l'ECOBONUS e il CONTO TERMICO 2.0 incentivano la sostituzione di scaldacqua tradizionali o elettrici con scaldacqua in pompa di calore).

      CONTO TERMICO 2.0 ed ECOBONUS 65% (quest'ultimo dal 2018; si attendono le istruzioni):

  • sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale con sistema ibrido a pompa di calore, definito «impianto dotato di pompa di calore integrata con caldaia a condensazione assemblato in fabbrica o factory made».

 

Scarica le considerazioni sulle agevolazioni 2018 in formato PDF

DETRAZIONE 50% IRPEF (BONUS CASA) per ristrutturazioni edilizie e interventi finalizzati al risparmio energetico in immobili residenziali esistenti

 

RIFERIMENTO LEGISLATIVO: D.P.R. 917/86 e s.m.i., art. 16-bis.
VALIDITÀ: fino al 31 dicembre 2018.
N.B. Dal 1° gennaio 2019 (salvo proroghe) la detrazione tornerà all'aliquota del 36% ed al tetto di spesa detraibile pari a 48.000 euro.

Questa detrazione – di cui possono beneficiare le persone fisiche (privati e condomini, soggetti IRPEF) – è applicabile non solo alle manutenzioni ordinarie/straordinarie o alle ristrutturazioni.
Se non subentreranno le modifiche previste nella relazione introduttiva alla Legge di bilancio 2018, il BONUS CASA si applicherà anche quest'anno alla realizzazione di "opere finalizzate al risparmio energetico" come, ad esempio, la sostituzione del vecchio generatore con una caldaia convenzionale
 ad "alto rendimento", nonché per l'adeguamento degli impianti gas esistenti. Si attendono indicazioni al riguardo.
Resta confermata la ripartizione in 10 anni della detrazione; i pagamenti delle spese relative all'intervento devono essere effettuati, come sempre, tramite bonifico (bancario o postale).

IMPORTANTE: per il 2018 è prevista l'introduzione della comunicazione ad ENEA dei dati relativi agli interventi.
Al riguardo ENEA ha precisato (ad inizi aprile) di essere: "... in attesa di specifiche indicazioni da parte delle istituzioni di riferimento sulla tipologia di interventi per i quali occorre procedere alla comunicazione, le informazioni e i dati che devono essere trasmessi, le modalità e le relative tempistiche da rispettare.
Non appena ricevute le indicazioni necessarie, l'Agenzia predisporrà il sistema informativo per consentire agli utenti la trasmissione dei dati e ne darà la più ampia comunicazione possibile al pubblico.
Tenuto conto che l'obiettivo della legge è il monitoraggio energetico, l’ENEA ritiene che la trasmissione dei dati debba avvenire solamente per gli interventi che comportano riduzione dei consumi energetici o utilizzo delle fonti rinnovabili di energia, tipicamente quelli previsti dal DPR 917/86, art. 16.bis, lettera h”.

 

DOCUMENTAZIONE SCARICABILE:

Vademecum 2018 ai principali adempimenti per la Detrazione 50%

Dichiarazione caldaie alto rendimento

Guida (ed. 02/2018) dell'Agenzia Entrate

DETRAZIONE 65% IRPEF e IRES (ECOBONUS) per le riqualificazioni energetiche degli edifici esistenti

 

RIFERIMENTO LEGISLATIVO: Legge 296/06 e s.m.i., art. 1, commi da 344 a 347.
VALIDITÀ: fino al 31 dicembre 2018.
N.B. Dal 1° gennaio 2019 (salvo ulteriori proroghe) l'agevolazione sarà sostituita dalla detrazione 36% per le ristrutturazioni edilizie.
 
La detrazione 65% – di cui possono beneficiare sia i privati che le imprese (soggetti IRPEF o IRES) –  si applica a specifici interventi, fra i quali ricordiamo:
  • la sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale con caldaia a condensazione di classe energetica A abbinata a sistema di termoregolazione evoluto o con pompa di calore ad alta efficienza e contestuale messa a punto / equilibratura del sistema di distribuzione

IMPORTANTE: per il 2018 l'installazione di caldaia a condensazione di classe energetica A non abbinata a a sistema di termoregolazione evoluto comporta un abbassamento della detrazione al 50%.
Le caldaie a condensazione di classe energetica B non sono incentivate.

  • (NOVITA' 2018) la sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale con apparecchi ibridi costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro 
  • sostituzione di scaldacqua tradizionale con scaldacqua a pompa di calore dedicato alla produzione di acqua calda sanitaria 
  • l'installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda.
Resta confermata la ripartizione in 10 anni della detrazione ed anche l'iter burocratico; i pagamenti delle spese relative all'intervento devono essere effettuati, come sempre, tramite bonifico (bancario o postale), se i richiedenti sono 'persone fisiche'.
 
Dal 1° gennaio 2018 il meccanismo della cessione del credito risulta esteso anche a chi esegue i lavori di efficientamento sulla singola unità immobiliare.
 

Si attende l'emanazione dei decreti interministeriali che definiranno i requisiti tecnici degli interventi che possono beneficiare dell’Ecobonus; fino all’emanazione si applica la regolamentazione vigente (rif. art. 1, comma 3, lett. a), n. 11 della Legge 205/17). 

 

ECOBONUS CONDOMINI: per lavori di riqualificazione energetica nelle parti comuni degli edifici condominiali di cui agli artt. 1117 e 1117-bis del Codice civile o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, i CONDOMINI e gli ISTITUTI AUTONOMI PER LE CASE POPOLARI (ex IACP) potranno, inoltre, contare su agevolazioni più elevate:
  • detrazione 70% per interventi di riqualificazione energetica dell’involucro dell’edificio condominiale con  un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo;
  • detrazione 75% per interventi di riqualificazione energetica delle parti comuni di edifici condominiali, finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e conseguano almeno la qualità media di cui al Decreto “requisiti minimi” 26/06/15.

Queste agevolazioni, da ripartire in 10 anni, vanno calcolate su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 40.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.
La legge prevede, inoltre, la possibilità di cedere il credito derivante dalla detrazione degli interventi nelle parti comuni condominiali ai fornitori che hanno effettuato l’intervento; per le modalità attuative si veda il Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate n. 108577 del 08/06/17.
Per ottenere le detrazioni 70 e 75%, la sussistenza dei requisiti sopra indicati dev’essere asseverata da professionisti abilitati mediante l’APE di cui al Decreto 26/06/15.

 

Da quest'anno, inoltre, i condomini potranno beneficiare di un nuovo bonus: in alternativa all’Ecobonus e al Sismabonus, infatti, è stata introdotta anche la possibilità di beneficiare di una detrazione all’80% o 85% (a seconda del grado di riduzione del rischio sismico) per interventi congiunti di riqualificazione energetica e sismica su parti comuni condominiali di edifici ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3. Anche per questa agevolazione si attendono istruzioni.


Per la trasmissione ad ENEA delle pratiche relative ad interventi di riqualificazione energetica ultimati quest'anno, occorre utilizzare l'apposita sezione nel portale: http://finanziaria2018.enea.it.

 
DOCUMENTAZIONE SCARICABILE:

Vademecum 2018 ai principali adempimenti per la Detrazione 65%


Dichiarazioni Immergas:

- caldaie a condensazione

pompe di calore AUDAX TOP ErP

pompe di calore MAGIS PRO ErP

- pompe di calore ibride MAGIS COMBO

- scaldacqua a pompa di calore RAPAX V2

- solare termico

utili per l'ottenimento dell'agevolazione fiscale


Guida (ed. 09/2017) dell'Agenzia Entrate
 

VADEMECUM ENEA
FAQ ENEA

 
 
CONTO TERMICO 2.0 per l'efficienza energetica e l'uso delle fonti rinnovabili negli edifici esistenti

 

RIFERIMENTO LEGISLATIVO: D.M. 16/02/16.
VALIDITÀ: a partire dal 31 maggio 2016.

N.B. È stato finalmente pubblicato il Catalogo apparecchi domestici!
 

Il CONTO TERMICO 2.0 di cui al Decreto 16 febbraio 2016 incentiva gli interventi per l'incremento dell'efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili, realizzati dai soggetti privati (persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario) e dalla Pubblica Amministrazione in edifici esistenti.
Questa nuova versione privilegia i "piccoli interventi", che potranno beneficiare di una procedura semplificata per gli apparecchi elencati in un apposito catalogo; prevede, inoltre, l'inventivazione di nuove tipologie di intervento. 


Gli interventi incentivati sono diversificati a seconda dei soggetti beneficiari.
La sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con caldaie a condensazione ricade fra gli interventi per sole PA.
Fra gli interventi per PA e soggetti privati, invece, sono previsti i seguenti:
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con sistemi ibridi a pompa di calore, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione (assemblati in fabbrica o factory made),
  • sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore (come i ns. RAPAX V2),
  • installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling.

I pagamenti delle spese relative all'intervento incentivabile devono essere effettuati, come sempre, tramite bonifico parlante (che nella causale richiamerà il D.M. 16/02/16); il Conto termico 2.0 ammette la possibilità di utilizzare, per spese sostenute in un unico pagamento e fino a 5.000 €, la carta di credito.
 
Gli incentivi per le varie tipologie di intervento, calcolati seguendo le indicazioni del D.M. 16/02/16, sono corrisposti in rate annuali costanti per 2 o 5 anni a seconda dell'intervento.
L'incentivo è corrisposto in 2 rate per interventi d’installazione di generatori fino a 35 kW o collettori solari termici di superficie solare lorda fino a 50 m2; per importi fino a 5.000 €, però, è prevista l'erogazione del contributo in un'unica soluzione.
Gli importi dell'incentivo sono erogati:
  • entro i 30 giorni successivi al bimestre in cui ricade la data di accettazione della scheda-contratto,
  • al netto del corrispettivo per la copertura dei costi sostenuti per lo svolgimento delle attività d'istruttoria GSE (pari all’1% del valore del contributo totale spettante, fino ad un max di 150 €).

Modalità di accesso all'incentivo per interventi di piccole dimensioni: i soggetti privati adottano l'accesso diretto ovvero l'inserimento, entro 60 giorni da fine lavori, della "scheda-domanda" sul ‘Portaltermico' (già attivo dal 31/05/16 per tale modalità).
N.B. Per accedere al Portaltermico ed avviare la procedura di accesso diretto il Soggetto Responsabile – ovvero il soggetto che ha sostenuto le spese per l’esecuzione degli interventi e che ha diritto all’incentivo e stipula il contratto con il GSE – deve, innanzitutto, registrarsi sul portale nella sezione Area clienti: https://applicazioni.gse.it/GWA_UI/.
È possibile avvalersi anche di un Soggetto Delegato, ovvero di una persona fisica o giuridica che opera – tramite delega – per nome e per conto del SR sul portale GSE; tale ruolo può essere rivestito dal tecnico abilitato (come per la Detrazione 65%, s’intende il progettista iscritto a specifici ordini e collegi professionali).

 
DOCUMENTAZIONE SCARICABILE:

Vademecum ai principali adempimenti del Conto termico 2.0 (in aggiornamento)
Dichiarazioni Immergas utili per l'ottenimento dell'incentivo: sono scaricabili dalle pagine di prodotto, alla voce "Certificati e dichiarazioni"; alla voce "Documentazione" è possibile scaricare, invece, il Libretto istruzioni e la Scheda tecnica del prodotto scelto.
 
N.B. Per informazioni e/o richieste di documentazione relativa ai prodotti incentivabili contattate il servizio di Consulenza tecnica tramite NUMERO VERDE 800 306 306 o indirizzo mail consulenza@immergas.com.  
 
 
 
IVA agevolata 10% per interventi edilizi e/o finalizzati al risparmio energetico in immobili residenziali esistenti

 

VALIDITÀ: permanente.
Quando è possibile fruire dell'IVA agevolata al 10% per gli interventi in edilizia?
 
La risposta è articolata, dato che in Italia abbiamo diverse tipologie di IVA al 10%.
 
Tale aliquota, infatti, in edilizia risulta applicabile – seppur in modo diverso – agli interventi di:
-  MANUTENZIONE ORDINARIA e STRAORDINARIA,
-  RISTRUTTURAZIONE,
effettuati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata e relative pertinenze.
 
È prevista, inoltre, un'aliquota al 10% specifica per i PANNELLI SOLARI (termici e fotovoltaici).
 
N.B. L'applicazione dell'IVA ridotta è prevista solo nella fase finale (es. rapporto tra venditore ed utente privato) di commercializzazione dei beni ed è subordinata al rilascio di una Dichiarazioneda parte dell'acquirente circa la utilizzazione dei beni stessi. L'aliquota 10% è applicabile anche alle relative prestazioni di posa in opera (manodopera) da parte dell'installatore, ovvero il cosiddetto soggetto cedente.
 
Vediamo nel dettaglio le tre tipologie.
 

IVA AGEVOLATA PER MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA

Trattasi appunto di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria (di cui all'art. 3, lett. ‘a)' e ‘b)' del D.P.R. 380/01), effettuati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata e relative pertinenze.

Il riferimento di legge è l'art.7, L.488/99 e successive modificazioni.

Gli interventi di manutenzione ordinaria sono agevolabili solo se realizzati sulle ‘parti comuni' di edifici condominiali (es. centrale termica), mentre quelli di manutenzione straordinaria (es. sostituzione del generatore di calore) possono riguardare anche le singole unità immobiliari.

Questo tipo di agevolazione, oltre alla prestazione d'opera, può comprendere anche i beni finiti e le materie prime e semilavorate, con limitazioni però per i ‘beni di valore significativo' (es. caldaie, apparecchiature di condizionamento).
 

N.B. La Legge di bilancio 2018 (la n. 205/17) reca una norma di interpretazione autentica della disciplina dell’IVA agevolata al 10% per le prestazioni aventi a oggetto interventi di recupero del patrimonio edilizio, secondo la quale la determinazione del valore dei “beni significativi” dev’essere effettuata sulla base dell’autonomia funzionale delle parti staccate rispetto al manufatto principale; si stabilisce, inoltre, che la fattura emessa dal soggetto che realizza l’intervento deve indicare, oltre al servizio oggetto della prestazione, anche il valore dei beni di valore significativo.


In merito al concetto di 'bene significativo' si specifica che in fattura l'aliquota ridotta si applica solo "fino a concorrenza del valore della prestazione", cioè alla differenza tra l'importo totale dei lavori eseguiti e il valore dei ‘beni significativi' acquistati.
 
Facciamo un ESEMPIO per maggior chiarezza:

Intervento di sostituzione del generatore di calore (con modello ad alto rendimento) dal costo complessivo di 4.500 euro, costituito da:

  • 2.500 euro come costo caldaia (bene significativo);
  • 2.000 euro come costo complessivo della prestazione, dei materiali e dei beni non significativi impiegati (es. tubi, raccordi).

In fattura i 2.000 euro di costo prestazione saranno assoggettati all'IVA 10%, mentre il costo caldaia (2.500 €) dovrà essere suddiviso in due parti:

  1. la prima, di 2.000 € (pari al valore della prestazione, dei materiali e dei beni non significativi impiegati), va assoggettata all'aliquota IVA 10%;
  2. la seconda, pari a 500 € (differenza tra costo caldaia e costo prestazione), deve essere fatturata con aliquota al 22%.

Nota: se il privato acquistasse autonomamente la caldaia e chiedesse all'installatore la mera prestazione d'opera (installazione), potrebbe beneficiare dell'IVA agevolata solo su quest'ultima e non sul bene caldaia (la cui IVA rimarrebbe al 22%).

Infatti come specificato dall'Agenzia delle Entrate, l'IVA al 10% per le manutenzioni ordinarie e straordinarie NON è applicabile:

  • ai materiali o ai beni forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori;
  • ai materiali o ai beni acquistati direttamente dal committente;
  • alle prestazioni professionali, anche se effettuate nell'ambito degli interventi finalizzati al recupero edilizio;
  • alle prestazioni di servizi resi in esecuzione di subappalti alla ditta esecutrice dei lavori. In tal caso la ditta subappaltatrice deve fatturare con IVA al 22% alla ditta principale che, successivamente, fatturerà la prestazione al committente con l'IVA al 10%, se ricorrono i presupposti per farlo.


IVA AGEVOLATA PER RISTRUTTURAZIONE

Gli interventi di restauro/risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, di cui all'art. 3, lettere ‘c)' e ‘d)' del D.P.R. 380/01, beneficiano dell'IVA al 10% – sia per i beni che per i servizi, senza alcuna distinzione o vincoli particolari riguardo all'acquisto diretto o meno da parte del privato – come previsto dal riferimento di legge, il D.P.R. 633/72.

La legge definisce "ristrutturazione di un impianto termico un insieme di opere che comportano la modifica sostanziale sia dei sistemi di produzione che di distribuzione ed emissione del calore; rientrano in questa categoria anche la trasformazione di un impianto termico centralizzato in impianti termici individuali nonché la risistemazione impiantistica nelle singole unità immobiliari, o parti di edificio, in caso di installazione di un impianto termico individuale previo distacco dall'impianto termico centralizzato" (rif. D.Lgs. 192/05 e successive modifiche e integrazioni).

N.B. Per l'intervento di ristrutturazione dell'impianto termico è necessaria la redazione della Relazione tecnica di cui all'art. 28 della Legge 10/91 e s.m.i., ovvero del cosiddetto "progetto Legge 10" da parte del termotecnico, nonché un titolo edilizio abilitativo (per quest'ultimo verificare presso l'Ufficio tecnico del Comune).


IVA AGEVOLATA PER PANNELLI SOLARI (termici e fotovoltaici)

L'Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n. 269/E del 2007, ha fornito chiarimenti sull'IVA agevolata applicabile alle vendite di:

  • "impianti termici ad energia solare, detti anche ‘kit solari', la cui funzione essenziale è quella di sfruttare al meglio l'irradiazione solare per trasformarla in energia termica";
  • "singole parti componenti dei citati kit solari, quali i pannelli solari, i bollitori specifici per tali impianti, le pompe di alimentazione del flusso del liquido termovettore tra pannelli solari e bollitori all'interno dell'impianto", a condizione che l'acquirente sia o l'impresa che installa/costruisce impianti solari o l'utilizzatore finale.

Quest'ultimo deve rilasciare, al venditore, un'apposita dichiarazione dalla quale risulti che i componenti acquistati saranno utilizzati per la costruzione dell'impianto solare di cui al riferimento di legge: punto n. 127-quinquies del D.P.R. 633/72.
 

A completamento di questa panoramica sull'IVA agevolata è opportuno ricordare che, nel caso in cui i componenti e/o impianti citati in questo approfondimento – ovvero caldaie, impianti di condizionamento, impianti solari, considerati dalla legge ‘beni finiti' – siano acquistati per la nuova costruzione di una ‘casa di abitazione non di lusso', risulta applicabile l'IVA al 4%.
 

I privati possono beneficiare sia delle agevolazioni fiscali (le detrazioni 50 e 65%, in particolare, sono valide fino al 31/12/15) che dell'IVA agevolata al 10% per i casi sopra descritti; un doppio vantaggio da non lasciarsi sfuggire!


DOCUMENTAZIONE SCARICABILE:

Fac-simile Dichiarazione ai fini IVA

A breve pubblicheremo la TABELLA COMPARATIVA 2018 delle varie agevolazioni applicabili agli interventi finalizzati al risparmio energetico; in questo utile strumento (scaricabile in formato .PDF) troverai l'indicazione delle tecnologie utilizzabili e dei requisiti richiesti, dei soggetti e degli edifici ammessi, dell'incentivo previsto e dell'entità dell'iter burocratico
 


Per quesiti sulle Detrazioni o il Conto termico: detrazioni@immergas.com 

CAIUS CLUB PROFESSIONAL
CAIUS CLUB PROFESSIONAL
 
SEI UN PRIVATO?
ACCEDI AL CAIUS FAMILY CLUB
 
QUALITY IN SERVICES
MADE IN ITALY
50 years of experience
OVER 6 MILLION BOILERS INSTALLED