05 Oct 2018

IMMERGAS PRESENTA IL LABORATORIUM

Immagine

Il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini ha inaugurato il nuovo Centro Ricerche e Sviluppo a Lentigione di Brescello. É un investimento da 6 milioni di euro realizzato per creare il polo high tech dedicato alle nuove tecnologie per il clima domestico e avviare una nuova fase di crescita con l’obiettivo di arrivare oltre i 300 milioni di euro di fatturato.

 

Brescello 5 ottobre 2018 - A dieci anni dalla posa della prima pietra della Domus Technica, il polo didattico dedicato alla formazione avanzata dei tecnici del settore termotecnico, Immergas ha inaugurato il nuovo Centro Ricerche e Sviluppo, il “Laboratorium”, realizzato in meno di due anni, nella sede centrale a Lentigione di Brescello nonostante lo stop ai lavori imposto dall’esondazione del torrente Enza nel dicembre del 2017.

É un investimento da 6 milioni di euro, in totale autofinanziamento, che Immergas ha messo in campo per migliorare la sua competitività.

«Il Laboratorium è una finestra sul futuro, sul nostro futuro – spiega Alfredo Amadei Presidente Immergas – e l’abbiamo aperta nello stesso luogo dove oltre 50 anni fa Immergas è diventata una piccola industria. É la conferma della nostra propensione al cambiamento e della tensione verso il miglioramento continuo. Quando sono entrato in Immergas, tren’anni fa, il mio primo lavoro era all’interno di quello che allora era laboratorio e ufficio tecnico. Oggi la forza di un’impresa si vede dalla decisione con cui ci si avvia sulla strada del cambiamento, dell’innovazione e della trasformazione. La costruzione del nuovo Laboratorium conferma la volontà di fondare il futuro sul solidissimo saper fare di tutti i dipendenti attivi nel mondo nei poli produttivi Immergas e sulle conoscenze più avanzate. Abbiamo avviato una nuova fase di crescita con l’obiettivo di arrivare oltre i 300 milioni di euro di fatturato anche grazie alla nuova unità produttiva che apriremo in Cina nel 2019, l’anno del 55° dalla fondazione di Immergas, al potenziamento dello stabilimento di Poprad in Slovacchia e alla start up in Iran. Vogliamo continuare a offrire in tutto il mondo la miglior soluzione per il clima domestico e tutti i servizi collegati».

Immergas dall’inizio dell’anno ha registrato un aumento di vendite del 13% rispetto al 2017, sia in Italia che sui mercati esteri dove è presente.

«Il nuovo Centro Ricerche e Sviluppo – ha aggiunto Alessandro Carra Vice Presidente Immergas – sarà un volano di crescita importante anche per le attività sulle energie rinnovabili che abbiamo avviato nel 2010 creando la ESCO (Energy Service Company) ImmerEnergy. Oggi puntiamo molto sull’efficientamento energetico in tutte le tipologie di costruzioni, civili e industriali. Sono interventi chiavi in mano che cercano valore con risparmi concreti e misurabili. Avere a disposizione laboratori avanzati e nuovi profili professionali darà vita a sinergie sempre più forti e le nuove soluzioni tecnologiche diventeranno più rapidamente reali».

“Se non si può misurare, non si può migliorare”. É partendo da uno dei punti fermi dell’imprenditoria più innovativa che Immergas ha progettato e realizzato la nuova area ricerche e sviluppo in grado di fornire una risposta ampia e metodologicamente completa alla crescente richiesta di informazioni e dati su cui costruire le nuove scelte strategiche.

 

 

 

All’inaugurazione del Centro Ricerche ha partecipato il Prof. Luca Mercalli, Presidente della Società Meteorologica Subalpina: «le nostre case sono una delle maggiori fonti di spreco energetico ma anche di bollette sempre più salate quindi, per prima cosa, bisogna ridurre gli sprechi. Isolare la casa e cambiare modalità di riscaldamento è un investimento che ritorna in tempi certi e verificabili. É fondamentale capire quello che realisticamente ognuno di noi può fare oggi per migliorare la sostenibilità e andare nell’ottica del risparmio energetico e altrettanto fondamentale è il lavoro di ricerca delle imprese come Immergas sulle soluzioni che nei prossimi anni consentiranno di avere case dove la qualità dell’abitare si abbina al risparmio energetico e all’uso di fonti rinnovabili».

 

«L’Emilia Romagna si conferma un’area territoriale capace di attrarre e generare nuovi investimenti – ha sottolineato il Presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini - perché possiamo contare su professionalità esclusive, formate anche grazie agli investimenti fatti sull’alta formazione e dalle aziende. Così come paga l’aver puntato sull’internazionalizzazione. I risultati importanti che stiamo cogliendo su tutti gli indicatori economici e sociali ci spingono a lavorare per permettere di correre ancor più forte alle eccellenze industriali che investono per migliorare la competitività puntando sull’innovazione».

 

«Avere realtà industriali importanti nel territorio - ha ribadito il Sindaco di Brescello Elena Benassi – è fonte di ottimismo per il futuro e verificare i concreti investimenti realizzati è la conferma che la prospettiva è di crescita. Abbiamo di fronte molto lavoro da fare ma sappiamo di contare su sensibilità molto concrete e su aziende che fanno del legame con i territori dove sono nate un valore trainante».

 

«La sfida è prima di tutto culturale e presuppone quel “fare insieme” che impedisce la dispersione delle singole energie. Insieme rinsalderemo le relazioni necessarie per condividere visioni e progetti - ha sottolineato Fabio Storchi, Presidente di Unindustria Reggio Emilia – partendo dalla Fabbrica nella quale la Persona è al centro. Dobbiamo dare il giusto valore alla Fabbrica che cambia e si muove verso l’innovazione orientata alla sostenibilità a 360°, come abbiamo visto oggi in Immergas, ai giovani con le loro speranze, alla volontà di fare insieme per realizzare un modello di sviluppo capace di conciliare la competitività delle imprese con l'equità, l'inclusione e la coesione sociale».

 

«Le politiche orientate a Industry 4.0 - ha precisato Andrea Bianchi, Direttore Area Politiche Industriali, Confindustria – finora hanno dato risultati positivi. È su quella strada che tutti devono continuare a camminare per garantire al Sistema Italia e al made in Italy un futuro all’altezza del ruolo che occupiamo in Europa e nel mondo. Questo ci aspettiamo dal Governo e dall’Europa».

 

La nuova struttura permetterà al team R&S guidato dal Direttore Mauro Guareschi di lavorare meglio e più velocemente per alzare gli standard qualitativi, già elevati, in tutte le fasi: dalla progettazione alla produzione su scala industriale con analisi dettagliate e con tutte le prove per la marcatura CE e per le attività di Certificazione con Enti extra-europei.

Guido Simonazzi, Direzione Servizi Generali Immergas, ha coordinato i lavori di costruzione che hanno impegnato lo studio EFA di Parma (Arch. Emilio Faroldi), Stahlbhau, Automazioni Bigliardi, Torreggiani, Rainieri e Fava Arredamenti.

All’inaugurazione del nuovo Centro Ricerche è stata abbinata una mostra con le fotografie scattate durante i lavori di costruzione dal fotografo Luigi Bussolati. Le immagini sono raccolte anche nel volume: “La forza dell’Innovazione “.

 
Share this content

30 Jul 2018

IMMERGAS IN SPAIN

Immagine

Our 25-year presence on the Spanish market is key to the creation of the 11th branch worldwide, in partnership with the Sanchez-Seco family. The new company located in Madrid aims at doubling market shares already in 2018.

 

Brescello 30 July 2018 - Immerfin is speeding down the road to internationalization. Having set off the project to create a new production unit in Changzhou, China’s National Hi-Tech District (the third one abroad after Slovakia and Iran), Immergas boosts its network of branches worldwide with equity investment in Immerspagna.

This is its eleventh direct branch and it will contribute to make up, together with a commercial network spread in 50 Countries, almost 70% of revenue that is expected to grow to 280 million Euro for 2018.

This represents the evolution of a commercial business dating back to 1994, when Camillo Scotti, then Sales Manager, laid the foundations for the development phases to come.

«The Spanish market has changed in many ways in recent years and, although it is always among the most competitive in the world, we believe there is ample space to state our philosophy: to offer a package of high quality standard products paired with an excellent pre and post-sale service. We decided to take this important step - Alessandro Bianchi, Immerspagna’s Vice President of Operations explains – together with our Spanish partner, the Sanchez-Seco family that in recent years has been contributing to uphold Immergas prestige in Spain and to whom we are especially thankful. We have already defined together a three-year development plan, that will allow us to boost the organizational structure and our aim will be to sell at least 15,000 Immergas units per year».

Immerfin now owns 80% of Immerspagna. The Sanchez-Seco family holds the remaining company shares.

«Immergas presence on the Spanish market is very well established – explains Alfredo Amadei, Immergas and Immerspagna Chairman– and we have the right partner to launch a new development phase aimed at both expanding our ground in Spain and developing more innovative hybrid solutions for home climate control».

We have a team of 15 people working in Spain (10 of those are agents) coordinated by Laura Sanchez-Seco. Gregorio Sanchez-Seco and his son Carlos will manage the technical and post-sale side through Gremisat, the company that collaborates in more than 70 Authorized Technical Assistance Centres throughout the country.

«Immergas technical assistance service in Spain has always guaranteed the maintenance of more than 100,000 boilers installed – says Laura Sanchez–Seco - and the new expansion plan is based on this foundation of continuity and trust. In the sector of home climate control the Spanish and Italian markets are very similar and this is the reason why the synergies with the Italian parent company will be even stronger».

 
Share this content

10 Jul 2018

IMMERGAS E AFRICA: NUOVE OPPORTUNITÀ IN CAMERUN

Immagine

L’incontro con il console onorario in Italia Ildo Morelli organizzato a Reggio Emilia da CNA Industria, prelude a una missione per valutare collaborazioni in vista della Coppa d’Africa di calcio 2019, che sarà ospitata nella capitale Yaoundé. Immergas può fornire sistemi per il clima domestico e per l’acqua calda sanitaria.

 

Brescello 10 luglio 2018 - In Africa si aprono nuove opportunità per le aziende italiane e Immergas ha partecipato a un incontro organizzato a Reggio Emilia da CNA Industria.

«Il Camerun offre molte opportunità - hanno sottolineato in videoconferenza dalla capitale Yaoundè i delegati alle attività produttive – anche in vista di un evento di grande rilevanza come la Coppa d’Africa di calcio che nel 2019 sarà ospitata in Camerun. Sono possibili, visto che la moneta del Camerun è agganciata all’Euro, collaborazioni commerciali, per avviare attività produttive e programmi di formazione imprenditoriale. Il sistema delle piccole e medie imprese italiane può essere un modello per lo sviluppo del Camerun».

Andrea Benassi, Export Area Manager, accompagnato da Sandro Zanichelli, Consulente Marketing Tecnico Immergas, ha commentato positivamente l’esito dell’incontro.

«Immergas non è ancora presente in Camerun – ha detto Benassi – ma nel paese c’è disponibilità di gas e si aprono opportunità per i sistemi di climatizzazione, per quelli dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria (necessaria anche per ospedali, scuole e altre strutture pubbliche). In più ImmerEnergy può fornire un know- how importante sui sistemi basati sulle energie rinnovabili e sull’efficientamento energetico».

Il Camerun è una Repubblica unitaria dell’Africa Equatoriale, poco più grande più dell’Italia, che conta quasi 24 milioni di abitanti.

«È un paese politicamente e socialmente stabile e questo equilibrio ha consentito lo sviluppo dell'agricoltura, di strade, ferrovie e di un'importante industria legata al petrolio e al legname – ha spiegato il Console Onorario in Italia Ildo Morelli –. È guidato dal Presidente Paul Biya che guarda con grande favore alle collaborazioni con l’Italia».

«Le imprese dell’area reggiana e in generale emiliana – ha concluso il Presidente di CNA Industria Alfeo Carretti – possono giocare una carta importante in Camerun, prima di altri competitor, e le aziende di dimensioni più grandi, come Immergas, possono fare da traino per una missione imprenditoriale dove far confluire tutta l’offerta delle nostre aziende».

I contatti avviati saranno sviluppati nei prossimi mesi, partendo dall’invito al Console del Camerun per una visita in Immergas.

 
Share this content

29 Jun 2018

IMMERGAS: QUALITÀ CERTIFICATA ISO 9001:2015

Immagine

Nello stabilimento di Brescello e a Poprad in Slovacchia è terminato il percorso di adeguamento delle nuove norme che mettono in grande evidenza il valore dell’impegno a tutti i livelli sui temi del miglioramento continuo. L’obiettivo rimane l'efficacia e l'efficienza nella realizzazione dei prodotti e nell'erogazione dei servizi per ottenere ed incrementare la soddisfazione del cliente.

 

Brescello 29 giugno 2018 - Immergas ha ottenuto con diversi mesi di anticipo rispetto alle scadenze fissate a livello internazionale la certificazione alle nuove norme ISO 9001:2015.

È un altro passo avanti, l’ennesimo, sulla strada del miglioramento continuo nella produzione dei più avanzati sistemi per il clima domestico e nei servizi ai clienti.

«Immergas investe in qualità con l’obiettivo di ottimizzare continuamente prodotti e servizi fin dalla sua fondazione – spiega Alessandro Carra, delegato dal consiglio di amministrazione Immergas in materia di sicurezza, qualità e ambiente e consigliere di amministrazione Immerfin - e già nel 1994 ha ottenuto la prima certificazione ISO 9000».

Al team guidato da Stefano Fiori, Responsabile Qualità, Metodi e Procedure di Immergas, dopo tre giornate di audit approfondito, è stata rilasciata da TÜV Italia la certificazione ISO 9001:2015 per la progettazione, fabbricazione ed assistenza post vendita di caldaie a gas, scaldabagni a gas e relativi accessori.

Gli ispettori di TÜV Italia hanno sottolineato: il forte coinvolgimento di tutti i responsabili di processo e dei collaboratori intervistati che hanno messo costantemente in evidenza le conoscenze degli obiettivi definiti dalla direzione e una forte propensione ad agire per il loro raggiungimento. Il sistema di Gestione per la qualità risulta, per i principali nuovi requisiti introdotti con la nuova revisione della norma ISO 9001, ottimamente strutturato e diffuso tra i responsabili.

Il percorso verso la ISO 9001:2015 è stato completato nello stabilimento di Brescello e in quello di Poprad in Slovacchia e la stessa procedura sarà estesa anche allo stabilimento che nascerà in Cina nei prossimi mesi.

La norma ISO 9000 è stata pubblicata per la prima volta nel 1987. Sono passati oltre trent’anni e sono state introdotte diverse revisioni: nel 1994, 2000, 2008, 2015 e ora la quarta che introduce come novità: il Risk Based Thinking, l’analisi del contesto interno ed esterno, il collegamento con la strategia aziendale e agli altri sistemi di gestione e rimarca l’importanza della misurazione della sua efficacia in correlazione ai risultati. La nuova norma ISO 9001:2015, così come per le altre nuove norme ISO concernenti i Sistemi di Gestione, è stata pensata una nuova struttura denominata HLS – High Level Structure, articolata su 10 punti. La nuova revisione punta ad adeguare la struttura delle norme e quindi l’approccio complessivo ai Sistemi di Gestione al modello PDCA (Plan-Do-Check-Act) per il miglioramento.

 
Share this content

08 May 2018

IMMERGAS OPENS A NEW FACTORY IN CHANGZHOU

Immagine

In the year that marks the twentieth anniversary of their presence in China, the Immerfin group is investing 3 million Dollars to create a new production unit, the third one abroad after Slovakia and Iran, in operation from 2019. More investments are being made in Italy too, with the inauguration of the new Research and Development centre. The next goal is to increase turnover to over 300 million euro.

 

Brescello 8 May 2018 - Exactly twenty years have passed since Alfredo Amadei followed Marco Polo's "Silk road" to take the first Immergas boilers to China. «Today we are ready to start a new phase of growth in that market too – announced Alfredo Amadei, current Chairman of Immergas – we have built strong relationships through our well-established presence in Beijing and Shanghai. We have clients who deliver our products throughout China. The turnover is growing and there is increasing demand for advanced HVAC solutions, like the ones developed by Immergas. It is for these reasons, and to leverage our investment in China, that we assessed the feasibility of a new production unit in the National high technology district of Changzhou, designed to serve the local market. A clear choice that confirms Immergas's positioning in the HVAC market in China. In the first phase, we will have an area of 5300 square metres».

The investment started by Immergas amounts to approximately 3 million dollars and is in parallel with the creation of an innovative Research and Development Centre in the Lentigione (Reggio Emilia) headquarters, which will be inaugurated in the next few months.

«These are two important investments – commented Alfredo Amadei – and they are synergistic. The boilers that we are going to produce in China, exclusively for the Chinese market, are based on 4.0 manufacturing engineering which we developed in our Lentigione lines and in our foreign plants, they will be designed and tested in the new Research and Development Centre, whose broad focus encompasses hybrid and no gas technology. The future of Immergas will follow these guidelines: internationalization (of production as well as sales with more expansions in our network of branches), technological development and innovation».

«The new production plant in China, the third one abroad after Poprad in Slovakia and Qazvin in Iran – commented Gionata Carra, managing director of Immerfin who handles the development of all the Immergas production units abroad – will initially employ 25 people, increasing to 100 once the plant reaches its maximum capacity of 100,000 boilers per year».

The Immergas Beijing trading company has been active since 2005. In 2017, Immergas sold 26,000 boilers in China giving a turnover of close to 17 million euro. The Chinese branch, with Beijing and Shanghai, employs 35 people.

The new Immergas plant, whose establishment is being supervised by Bruno Rinaldi, Immergas General Manager for China, is situated in the "heart" of China, at Yangtze river delta, in the Jiangsu region, very close to Shanghai, Nanjing and Hangzhou. There are two of China's first class open ports, the port of Changzhou and the international Changzhou Benniu airport, as well as the Changzhou railway station, a key stop along the high speed Beijing-Shanghai railway line. In addition two motorways, three provincial fast highways and three rivers cross the region.

«We want to “think Chinese”, understand and best interpret the needs of customers, through a rather ambitious but very realistic production project - concludes Alfredo Amadei. The quality criteria will definitely continue to be "made in Italy", as will product design and Research and Development. The objective is to produce a range geared exclusively to the Chinese market, with construction and quality principles to suit that market, but in the way that we consider most correct: products combines with pre and after-sale services plus great focus on loyalty building with our partners. Immergas always puts customers at the centre and this strategy follows us all over the world».

 
Share this content

Related news
 
IMMERGAS IN SPAIN

Our 25-year presence on the Spanish market is key to the creation of the 11th branch worldwide, in partnership with the Sanchez-Seco family. The new company located in Madrid aims at doubling market shares already in 2018.

Contacts
 
IMMERGAS S.p.A.
VIA CISA LIGURE, 95 - 42041 BRESCELLO (RE) ITALY
marketing@immergas.com
CAIUS CLUB PROFESSIONAL
CAIUS CLUB PROFESSIONAL
 
SEI UN PRIVATO?
ACCEDI AL CAIUS FAMILY CLUB
 
QUALITY IN SERVICES
MADE IN ITALY
50 years of experience
OVER 6 MILLION BOILERS INSTALLED